Niente e nessuno: il primo romanzo di Marco D’Alterio

“Niente e nessuno”edito dalla casa editrice LFA Publiscer, si intitola il romanzo di esordio di Marco D’Alterio, un giovane autore napoletano che nel 2016 aveva pubblicato una silloge di poesie (Chiaroscuri – Trilogia in versi).

L’autore dichiara: “volevo scrivere un romanzo sul tempo ispirato da alcune letture filosofiche, invece ne è uscito fuori un “mantecato” di tante cose, volendo usare un termine culinario.”

La storia narra di Antonio Lodamare, un cuoco napoletano conun passato da scugnizzo e un futuro già ben consolidato. Nella sua vita consuetudinaria, accadrà di tutto e di piùa partire dall’età di sessant’anni. Quando lui stesso ormai non si aspettava esiti incerti.

L’episodio scatenante è il licenziamento. Da quel momento in poi, Antonio metterà tutta la sua vita in discussione mutando pelle. È un personaggio in sospeso tra il bene e il male, in continuo conflitto con se stesso. Difatti, ex clienti, amici, parenti e la società intera diventerà oggetto delle sue spietate analisi.

Poi interrogativi, rimpianti, ricordi, colpi di scena, viaggi si alterneranno in un ritmo incalzante e godibile.

“Ma la cosa che più mi interessava trasmettere in questo libro è la potenza del personaggio”, prosegue l’autore,“Antonio è un sanguigno. La sua dirompenza, il suo cinismo, la sua ironia lo renderà affascinante ad ogni lettore… quasi un mito.”

Il libro è condito di momenti esilaranti (il rapporto con lo zio d’America) è spunti di riflessione sul tema del tempo (i dialoghi con l’amico Lorenzo). In più, non mancherà un mistero e la partecipazione a un programma televisivo. Antonio sarà in grado di trasmettere quella saggezza che nemmeno lui sapeva di possedere.

Insomma un libro intrigante e coinvolgente scrittocon uno stile alquanto originale che non segue un vero e proprio spartito.

“Un po’ come la buona musica Jazz” conclude l’autore.

Prossimamente ci sarà una presentazione alla libreria “io ci sto” al Vomero in Via Domenico Cimarosa, 20.

I commenti sono chiusi.